fc6 intervista ad AtlantisH9

INTERVISTA AD ATLANTISH9 SUL C6 FIREWALL

di AtlantisAngelik

 
1) Come è nata la tua collaborazione per il progetto c6 firewall con AtlantisDreams ?

Fu lui a contattarmi un giorno, mi spiegò a grandi linee cosa voleva realizzare, capii che andando ad aprire i pacchetti del messenger le possibilità erano molte e diedi lui alcune indicazioni sui principi che ritenevo indispensabili. Maurizio sviluppò il compilato e mi chiese qualche idea grafica. Mi costò un paio d’ore e
qualche tentativo ma lasciai sempre a lui decidere quale veste grafica applicare. Dopo che la prima versione fu pronta cominciammo a provarla tra noi, via via gli inviavo le mie osservazioni e lui correggeva o interveniva sulle sue e le mie .

2) Quale è stato il tuo ruolo nel progetto?

Due ore di Corel Draw e qualche sera a testare e provare i filtri (pure i flood anche se quando li cerchi..non li trovi mai).

3) Ci spieghi cosa è un firewall e a cosa serve?

 

La parola lo dice, muro di fuoco, una barriera eretta tra la rete ed il sistema macchina per bloccare attività che settaggi e filtri di default identificano come dannose , pericolose o semplicemente non desiderate
dall’utente

4) Che test sono stati fatti ?

 

Ci siamo creati due nick *antagonisti* tanto per non perdere l’ironia, ci siamo insultati a vicenda che ne abbiamo una scorta per i prossimi due anni, abbiamo tentato di floodarci a vicenda (ma non avevamo a disposizione strumenti particolarmente efficaci che cmq ci hanno permesso di saggiare i tempi di reazione), ci siamo messi e tolti dalla nera infinite volte e lo abbiamo comunque fatto anche con un sacco di gente senza che lo sapesse, hai presente due fantasmi che giocano in una casa senza che gli abitanti se ne avvedano? Ecco!

5) Che risposte hai avuto da chi lo sta usando?

 

Se compro un paio di scarpe che mi vanno bene ci cammino e basta senza lamentarmi, se mi fan male invece… comincio a smadonnare, venendo a bomba, basandomi sulle lamentele direi che tutto
funziona bene fatto salvo un caso in cui so per certo esserci altri problemi non legati al C6F.
Io lo uso regolarmente anche come test mi ci trovo bene, ormai gli asterischi mi son simpatici.

 

6) Nella chat attuale cosa cambieresti ?

 

La gente! Scherzo. Il social network è un fenomeno degli ultimi anni, da stretta *riserva* di pochi come era dieci anni fa è diventato uno dei primari mezzi di comunicazione, basta vedere cosa hanno raccolto ad una festa pochi giorni fa gli organizzatori di MySpace, 4000 persone . Non sono i messenger che fanno le persone ma bensì le persone che li usano rendono un ambiente virtuale più o meno piacevole. Purtroppo allargato all’uso di massa ogni strumento può presentare delle controindicazioni, ci sono in giro nella vita reale veri e propri fantasmi vittime di loro stessi, ovvio che quando questi si mettono innanzi ad una tastiera trasporteranno le loro frustrazioni e repressioni nel mezzo elettronico e nella chat di conseguenza.

 


 


 

7) Che significato ha per te fare parte del gruppo degli Atlantis?

 

Se inizialmente ero io a fare l’atlantis con il tempo è stato il nick a fare me, intendo , se non sei un idiota, se non vivi in un mondo irreale tutto tuo percepisci cosa significhi rappresentare una struttura come quella che rappresentiamo, se il senso di responsabilità è latente in te in pur minima quota capisci da subito quale è la via giusta da seguire, la via della correttezza, del rispetto, dell’ironia. Quello che ne ricavi, a differenza di molte false aspettative, alla fine è il piacere di far parte di qualcosa che accomuna migliaia di persone ogni sera, il piacere di poter dire anch’io contribuisco.

 

Il nick atlantis è un moltiplicatore, può potenziare vari aspetti della tua personalità, in positivo e negativo, sta alla tua capacità individuale trarvi i giusti insegnamenti ed opportunità di crescita personale che può offrire in termini di socialità, esperienza vissuta di rete e molte altre.

 


8) Hai qualche consiglio da dare per utilizzare meglio c6?

 

Vivete la vostra vita, la realtà sta fuori dei messenger in qualunque modo si chiamino, una sessione di chat è ne più ne meno che uno spettacolo di film al cinema, offre qualcosa in più a chi sa scindere i giusti contenuti , la possibilità di conoscere persone che possono realmente entrare a far parte della vostra realtà ma cercate di non confondete mai il virtuale con il reale . Come tutte le cose necessita di un certo equilibrio per saper intuire fino a dove è realtà e fino a dove è spettacolo, non caricate mail il virtuale di frustrazioni della quotidianità, davanti ad un monitor non troverete quello che vi manca nella realtà. Se riuscite ad essere così equilibrati non serve alcun consiglio per come usare il messenger ci riuscite benissimo da soli e sicuramente siete felici fruitori di un mezzo comunicativo che i nostri padri e nonni non sognavano nemmeno.

 


 

Un grazie ad AtlantisH9 per il tempo a noi dedicato

fc6 intervista ad AtlantisH9ultima modifica: 2008-10-24T04:30:00+02:00da literary
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento