Stephen King

stephenking_narrowweb__300x377,0.jpgIl Re dell’Horror: Stephen King

di AtlantisAmour 

Stephen Edwin King nasce nel Portland (Maine) il 21 settembre 1947. Il padre è un ex capitano della Marina Militare, mentre la madre è una casalinga di modeste origini. Nonostante sia il primogenito, Stephen King ha un fratello maggiore, adottato dai suoi genitori 2 anni prima della sua nascita. Nel 1949, suo padre Donald uscirà di casa per non farvi più ritorno, e questo segnerà profondamente il carattere di Stephen, tant’è che in alcuni suoi libri è possibile leggere un rapporto difficile tra padre e figlio. La madre, Nellie, farà molti lavori e coi figli si sposterà spesso, e nonostante le difficoltà nel crescere due figli da sola riuscirà ad assicurare loro una buona educazione, l’ascolto e apprezzamento della buona musica e della letteratura. Lo scrittore ricorderà quegli anni dicendo: “Non avemmo mai una macchina, ma non saltammo mai un pranzo.” Purtroppo all’età di quattro anni il piccolo Stephen fu colpito da un altro trauma, ovvero vede morire l’amico col quale giocava travolto da un treno, dopo che era caduto sulle rotaie.

Si avvicina alla scrittura durante il suo primo anno di scuola elementare, costretto a casa per i primi nove mesi malato, passando il tempo a copiare fumetti ed integrarli con suoi appunti fino a scrivere il suo primo racconto di fantasia. Oltre a scrivere comincia a leggere di tutto. All’età di dieci anni scopre il genere horror e due anni più tardi, trova i libri che erano di suo padre, scritti da Edgar Allan Poe, H.P. Lovecraft e Richard Matheson. Nel 1960 invia il suo primo racconto alla rivista Spacemen, ma non verrà pubblicato. Dal 1959, invece, inizia a scrivere nel Dave’s Rag, un piccolo giornale prodotto da suo fratello maggiore. Nel 1962 frequenta la Lisbon Falls Hight School e scriverà nel giornale della scuola diventandone anche il direttore, ma cambiandone la natura, ovvero rendendolo un giornale umoristico nel prendere in giro i vari professori, i quali non gradendo ciò daranno una settimana di punizione, mentre il settimanale Lisbon Enterprise lo contatterà e qui King apprenderà le tecniche della buona scrittura. Nel 1966 King pubblica il suo primo racconto intitolato “I was a teenage grave robber” scritto in prima persona. Dal 1966 al 1971 frequenta l’Università del Maine, ed anche qui scriverà nel giornale, dove ha una sua sezione per i suoi articoli: King’s Garbage Truck. Nel 1967 scrive La lunga marcia opera che pubblicherà anni dopo. Nell’estate del 1969 conosce colei che diverrà la sua futura moglie: Tabitha Jane Spruce, poetessa e laureanda in storia. Nel 1971 scrive L’uomo in fuga, nel frattempo si è sposato, ed ha avuto una figlia, mentre nel 1972 avrà un altro figlio.

King scrive il suo primo romanzo: Carrie, il quale avrà un grande successo, ma purtroppo in questo periodo perderà la madre a causa di un cancro. Nel 1974 scriverà Le notti di Salem e nel 1977 Shining, confermandosi come scrittore. Il 19 giugno del 1999 Stephen King verrà investito durante la sua giornaliera camminata. Verrà trasportato prima al Northern Cumberland Hospital e successivamente al Central Maine Hospital, in gravissime condizioni. Uscirà dall’ospedale, infatti, solo 3 settimane più tardi.

I suoi libri:

Romanzi

Carrie(Carrie), (1974)

Le notti di Salem (Salem’s Lot), (1975)

Ossessione (Rage), (1977), sotto lo pseudonimo Richard Bachman

Snining(The Shining), (1977), originariamente Una splendida festa di morte

Lìombra dello scorpione (The Stand), (1978)

 La lunga marcia  (The Long Walk), (1979), sotto lo pseudonimo Richard Bachman

La zona morta (The Dead Zone), (1979)

L’incendiaria (Firestarter), (1980)

Uscita per l’inferno (Roadwork), (1981), sotto lo pseudonimo Richard Bachman 

Cujo (Cujo), (1981)

L’uomo in fuga(The Running Man), (1982), sotto lo pseudonimo Richard Bachman

The Plant – Part I (1982)

Pet Sematary(Pet Sematary), (1982)

Christine – la macchina infernale (Christine), (1983)

The Plant – Part II (1983)

Il talismano (The Talisman), (1984) – scritto con Peter Straub

  L’occhio del male (Thinner), (1984), sotto lo pseudonimo Richard Bachman

Unico indizio la luna piena(Silver Bullet), (1985)

The Plant – Part III (1985)

It (It), (1986)

Gli occhi del drago (The Eyes of the Dragon), (1986)

Misery (Misery), (1987)

Le creature del buio (The Tommyknockers), (1987)

La metà oscura (The Dark Half), (1989)

L’ombra dello scorpione  – edizione completa (The Stand), (1990)

Cose preziose(Needful Things), (1991)

Il gioco di Gerald(Gerald’s Game), (1992)

Dolores Claiborne(Dolores Claiborne), (1992)

Insomnia (Insomnia), (1994)

Rose Madder (Rose Madder), (1995)

 Desperation (Desperation), (1996)

I vendicatori (The Regulators), (1996), sotto lo pseudonimo Richard Bachman

Il miglio verde (The Green Mile), (1996)

originariamente uscito in 6 puntate:

1 – Le due bambine scomparse

2 – La tana del topo

3 – Le mani di Coffey

4 – La strana morte di Eduard Delacroix

5 – Viaggio nella notte

       ・ 6 – L’ultimo viaggio di Coffey

Mucchio d’ossa(Bag of Bones), (1998)

La bambina che amava Tom Gordon (The Girl Who Loved Tom Gordon), (1999)

 Cuori in Atlantide (Hearts in Atlantis), (1999)

La tempesta del secolo(Storm of the Century), (1999)

L’acchiappasogni (Dreamcatcher), (2001)

Riding the Bullet – Passaggio per il nulla (Riding the Bullet), (2001), racconto venduto in formato multimediale e cartaceo

La casa del buio – meglio conosciuto come “Il talismano 2: La casa del buio” (The Talisman 2: Black House), (2001), scritto con Peter Straub

Buick 8(From a Buick 8), (2002)

 Colorado Kid (The Colorado Kid), (2005)

Cell (Cell), (2006)

La storia di Lisey  (Lisey’s Story), (2006)

Blaze (Blaze), (2007), sotto lo pseudonimo Richard Bachman

 Duma Key (Duma Key), (2008)

Under the Dome, (2009)

La torre nera

L’ultimo cavaliere(Dark Tower 1: The Gunslinger), 1982)

La chiamata dei Tre(Dark Tower 2: The Drawing of the Three), (1985)

Terre desolate (Dark Tower 3: The Waste Lands), (1991)

La sfera del buio (Dark Tower 4: Wizard and Glass), (1997)

Le piccole sorelle di Eluria (The Little Sister of Eluria), racconto contenuto nella raccolta Tutto è fatidico (2002)

I lupi del Calla (Dark Tower 5: Wolves of the Calla), (2003)

La canzone di Susannah (Dark Tower 6: Song of Susannah), (2004)

La torre nera (Dark Tower 7: The Dark Tower), (2004)

Raccolte di racconti:

A volte ritornano (Night Shift 1978)

Stagioni diverse (Different Seasons, 1982)

Scheletri (Skeleton Crew, 1985)

Quattro dopo mezzanotte (Four Past Midnight, 1990)

Incubi e deliri (Nightmares and Dreamscapes, 1993)

Gray Matter: and Other Stories (1993), tutti i racconti di questa raccolta sono contenuti nell’edizione italiana A volte ritornano.

Six Stories (1997), tutte le sei storie sono contenute nella raccolta di racconti italiana Tutto è fatidico.

The Man in the Black Suit: 4 Dark Tales (2002), tutte le quattro storie sono contenute nella raccolta di racconti italiana Tutto è fatidico.

Tutto è fatidico (Everything’s Eventual: 14 Dark Tales, 2002)

Al crepuscolo (Just After Sunset, 2008)

Saggi

(Solo titoli usciti in Italia)

Danse Macabre (Danse Macabre, 1980)

On Writing: Autobiografia di un mesterie (On Writing: A Memoir of the Craft, 2000)

Futuro dizionario d’America (The Future Dictionary of America, come co-compilatore, 2005)

Stephen Kingultima modifica: 2008-11-28T03:15:00+01:00da literary
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento