Quelli di c6

QUELLI DI C6

di AtlantisLucifer


La nostra chat è sempre stata un contenitore di menti brillanti, vedi le tante idee che popolano il nostro palinsesto, le radio nate per iniziative degli utenti e altre iniziative. Spesso queste iniziative non sono così simpatiche vedi i tanti flood e azioni di disturbo che quotidianamente colpiscono le nostre room. Molti chiedono come ci si possa difendere da questo, dal bullismo in chat. Il bullismo qualsiasi sia la sua provenienza è un’azione deplorevole. Prendi quelle persone che si appropriano di una stanza e unendosi in gruppo fanno si di spopolare un luogo di incontro a favore del proprio branco. Per i casi più gravi di bullismo in rete, la postale e la magistratura hanno intrapreso azioni molto severe nei confronti dei bulli chattici. Testimonianza di questi interventi molti articoli apparsi sulla stampa nazionale, che riportavano questi gesti esecrabili. Purtroppo l’anonimato che scrivere dietro ad un nick fornisce alle persone, spesso riesce a cacciare il peggio. Molti si sfogano in maniera compulsiva in strumenti come la chat, nati per comunicare e divertirsi. Intere trame e movimenti sotterranei degni delle migliori storie di spie, c’è da che sbellicarsi se questo poi non portasse all’accanimento contro alcune persone che sono costrette a lasciare la chat. La miglior difesa contro queste situazioni estreme, oltre che rivolgersi alle autorità quando queste sconfinano nell’umiliazione e la denigrazione personale, è un sano ignora. Se riuscissimo ad ignorare forse la chat sarebbe migliore. Ignorare è anche cambiare stanza lasciando i molestatori soli. Ignorare è anche far si di non abbassarsi al livello di chi entra in chat per offendere cercando i suoi 15minuti di celebrità e di sfogo. Comunque la chat per fortuna non è solo questo, è di pochi giorni fa l’incontro con gli attori di “EX”, bellissimo momento di aggregazione e di cultura, a dimostrare che in chat si può e si deve stare insieme per star bene.

Quelli di c6ultima modifica: 2009-02-20T07:00:00+01:00da literary
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento