Cura e Benessere

benessere.jpg Cura e Benessere

di AtlantisLonely

 

Questa rubrica, ho pensato di inserirla per cercare prima di tutto di informare me, perchè sono curiosa, e poi cercare di dare dei consigli utili a chi passa periodi di diete rigide… chi ha l’umore sotto le scarpe e vuole ritrovare un po’ di fiducia, con semplici consigli, rimedi naturali e perchè no, a chi vuole cominciare ad amarsi di più. Parleremo di bellezza, moda, salute, cosmesi, intolleranze, phitoterapia etc.. e per cominciare parleremo del corpo. Infatti, con l’arrivo della primavera tutti siamo di buon umore, le giornate si allungano, il sole è frequente rispetto alle giornate di pioggia, ma ci ritroviamo anche a fare i conti con il nostro corpo dopo un inverno passato tra le tavole buone delle feste e la pigrizia dovuta al freddo. Come tutti sanno, per prepararci all’estate, bisogna cominciare da ora a perdere peso e la dieta non basta senza il movimento. Morale, se si vuole bruciare grassi in modo efficace, duraturo e sano, bisogna darsi una mossa e fare sport. Ma ci si chiede, meglio la corsetta o lo spinning? Il nuoto o il tennis? Cerchiamo di capire meglio che differenza c’è e quale è quella più adatta a noi.

  • Lo spinning

Lo spinning è nato negli anni ’80 grazie al personale trainer californiano Johnny Goldberg che prese spunto dagli allenamenti al chiuso dei ciclisti per ideare un programma che utilizzasse la cyclette e una colonna sonora sincronizzata con il ritmo della pedalata. In Italia è arrivato nella seconda metà degli anni ’90 conquistando uomini e donne di tutte le età grazie al mix tra allenamento e divertimento. In una lezione di 40 minuti si bruciano fino a 500 calorie << Ma lo sforzo è prevalentemente aerobico >>, spiega il medico sportivo Enrico Arcelli, su una nota rivista, professore associato di scienze motorie all’Università di Milano. << Allena i muscoli delle gambe ed il sistema cardiovascolare però ha meno benefici in termini di dimagrimento rispetto, per esempio, ad un’ora di jogging. Per completare una lezione al ritmo dell’istruttore e bruciare quindi le calorie indicate è necessaria una preparazione fisica che spesso non si ha >>. Con lo spinning la pancia non va giù.


Ecco la classifica degli sport che fanno bruciare più calorie, con la frequenza ideale per chi vuole perdere i chili di troppo e le avvertenze per non farsi male. Sorpresa: al primo posto ci sono le arti marziali.

 1. ARTI MARZIALI (1300 calorie/ora)

 

Dall’aikido al karate, dal judo alla kick boxing, dal kung fu al taekwondo. In queste discipline di combattimento il training prevede una parte aerobica in cui si allena il fiato ed una in cui si potenzia la muscolatura, il tutto migliorando la coordinazione e l’agilità. L’attività è dunque completa e, oltre a far bruciare molte calorie, migliora il fisico in ogni suo aspetto.

–> Avvertenza: le arti marziali sono sport impegnativi e possono essere traumatici, per questo vanno praticati soltanto da chi è in perfetta salute.

  • Frequenza ideale: massimo tre volte a settimana.

 

2. PALLACANESTRO ( 840 calorie/ora )

 

E’ uno sport faticoso, in cui si spendono molte energie. Si gioca a ritmi alti e si compiono in continuazione gesti esplosivi che tonificano l’intera muscolatura delle gambe, mentre alle spalle è richiesto un lavoro di resistenza.

—-> Avvertenza: non va bene per chi ha problemi alla schiena o alle ginocchia.

  • Frequenza ideale: tre volte a settimana per almeno un’ora, oppure due allenamenti più partita.

 

Anche a riposo, chi si allena con costanza brucia più calorie di chi è fuori forma. Lo dimostra una recente indagine condotta dall’Università americana di Yale. Se già era noto che gli sport di resistenza, come la corsa e il ciclismo, aumentano il numero di mitocondri, le piccole centrali cellulari che convertono zuccheri e grassi in energia, dalla nuova ricerca è emerso che questi stessi mitocondri nelle personee che corrono almeno quatro ore a settimana dissipano a riposo il 54% di calorie in più rispetto a quanto avvenga negli individui sedentari. Inoltre, dato che l’ attività dei mitocondri porta ad abbassare i livelli di glugosio nel sangue, è ragionevole presupporre che il loro aumento possa proteggere anche dal diabete.

 

continua….

Cura e Benessereultima modifica: 2009-04-05T00:30:00+02:00da literary
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento