I Cartoon in room

I cartoon in room

di gigi-x

Questa nuova room che ci ha accompagnanto per un certo periodo e ci accompagnerà anche in seguito, è stata una bella trovata per riscoprire i sapori di un’infanzia che tutto sommato è sempre viva in noi.

Nei nostri ricordi sono sempre vivi quei momenti “appiccicati” alla TV a guardare le famose serie di cartoni animati che, sia la mattina prima di andare a scuola che al pomeriggio durante la merenda ci rallegravano la giornata.

La room “Theatre Cartoon” vuole riportare alla mente tutto questo proponendo puntata dopo puntata tutta una serie di sequenze audio/visive ritrasmesse sulla nostra WebTV  “AtlantisRadio”. Si parte come sempre con la sigla iniziale che diciamo rappresenta, come per tutti i programmi televisivi, il biglietto da visita di ciò che vedremo, dei momenti più emozionanti che ci faranno stare con il fiato sospeso.

Dopo ogni sequenza video, i due speaker, in questo caso nelle prime puntate, gigi-x e AtlantisLonely, spiegano un pò la storia sul cartone animato analizzato e le curiosità che magari nessuno ha mai conosciuto.

Gli utenti, d’altra parte, potranno richiedere i cartoni animati più belli, e a tutti promettiamo che ci impegneremo a fondo per documentarci e mostrare qualche immagine saliente di ogni serie….Il tempo a nostra disposizione è sempre poco quando si tratta di cartoni animati…tant’è che ricordo che personalmente quando ne guardavo uno, sembrava che il tempo passasse in fretta… Ma era tanta la curiosità che il giorno dopo puntualmente mi piantavo davanti alla TV per vedere la continuazione.

Nella prima puntata, dopo quella introduttiva, io e AtlantisLonely abbiamo parlato de “I Cavalieri dello Zodiaco”…abbiamo parlato un po dei vari aspetti del cartone animato e delle tre serie trasmesse in Italia…della versione censurata.

Nelle prossime puntata ne vedremo delle belle…quindi restate con noi e richiedeteci i vostri cartoni animati preferiti!

I Cartoon in roomultima modifica: 2009-04-05T04:00:00+02:00da literary
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento