L’addestramento

ANIMALANDIA


di AtlantisJedi


cane.jpgPrima di partire con le specifiche di ogni razza, mi soffermerei un attimo su quello che è l’addestramento del nostro amico a quattro zampe.

La prima cosa da sapere è, che il cane ha una discendenza dal lupo; questo significa che è un animale con un indole sociale molto particolare. I lupi, come tutti sanno, vivono in branco e ogni branco ha un suo capo, questa particolarità è insita anche nel nostro amico a quattro zampe quindi, per addestrarlo a vivere con noi, dobbiamo pensare che il “capo branco”, in questo caso, siamo noi. Per cui, se vogliamo che impari, dobbiamo immedesimarci in esso; attenzione, non cerchiamo però di cadere nella tentazione di usare la forza, un capo branco non lo farebbe mai, ci vuole fermezza e gli ordini devono essere dati con una voce ferma e perentoria perchè pur non capendo le parole, è il suono che conta nel dare gli ordini. Basti pensare che, per l’addestramento ufficiale, si utilizza molto spesso la lingua Tedesca; questo perché si è riscontrato che, questa lingua, vien percepita dal cane come un suono deciso e fermo.

Un consiglio che posso dare è quello che, quando il vostro cane fa una cosa che non dovrebbe fare, oltre a utilizzare la voce lo si accompagni con un gesto eloquente o se volete anche con un giornale piegato. Non preoccupatevi di fargli male, non è cosi, il giornale fa solo un grande rumore e quindi creerete una forma di segnale per il cane; è come nel lupo, ogni azione che non è giudicata idonea dal capo branco, questo lo fa capire mostrando i denti e digrignando.5238008.jpg Detto questo, la cosa da insegnare è quella, inanzi tutto, della convivenza con ciò che lo circonda.Quindi, se vive in un appartamento, è importante il non abbaiare o anche quando lo lasciamo da solo e usciamo, a non fare i dispetti che fa in casa , questi atteggiamenti,sono dettati dal tentativo di porsi al centro dell’attenzione; dobbiamo fare capire, al nostro amico, che non lo abbiamo abbandonato a se stesso. Anche qui ci vorrà molta voce ferma e decisa, ma importante sarà la dimostrazione di affetto coi gesti, che lui non si sentirà mai abbandonato.

La prossima volta vi spiegherò come fare a evitare questi spiacevoli inconvenienti. A presto:)


 

L’addestramentoultima modifica: 2009-05-05T00:10:00+02:00da literary
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento