un amore rock triste

UN AMORE ROCK TRISTE

di AtlantisEnigma

 


In chat si sà, sono molti i  cuori distrutti… lui deluso dalle donne, lei
delusa dagli uomini…
Mentre lui frequentava da molti anni una room, lei era appena entrata.
Tutto cominciò perche lui musicista, chiese se qualcuno era in grado di
aiutarlo a trovare un titolo alla sua musica e lei lo trovò…
Ma lei era un nick ( personaggio ) per cui nessuno sapeva neanche il minimo
della sua realtà, simpatica, intrigante, ingenua,
intelligente, ironica, lui se ne innamorò.
Per molti mesi, lei ascoltò la sua musica mentre lui la componeva e lo
aiutava a trovare i toni e i ritmi giusti, nonche nuovi titoli,
anche lei cominciò a innamorarsi… ma era un grosso errore, perche non era
la ragazzina che tutti credevano, tentò di
allontanarsi, ma lui non la lasciava andare.
Un giorno lui prese la decisione di andare a vivere nella sua stessa città e
prese da internet contatti per affittare una casa,
appena lei lo seppe tentò di fermarlo, ma inutilmente…
Le restavano solo due cose da fare, sparire dalla chat o dire la verità, con
la morte nel cuore, perche solo in quel momento,
si rese conto del grave errore fatto, disse la verità…
Lui volle ugualmente incontrarla e lei accettò; lui pianse per due giorni il
fatto di aver perso la sua amata illusione e lei lo
accompagnò in quel pianto per aver preso con leggerezza i sentimenti che può
scaturire una chat e per aver arrecato senza volerlo
così tanto dolore a entrambi…
Per lei la storia tra loro finiva in quel momento, ma lui non riusciva a
staccarsene, benche non accettase il suo corpo,
ormai amava la sua anima.
Realtà ed illusione, combatterono in lui ancora per mesi, fino a che non
sviluppò una malattia psicosomatica ‘ attacchi di panico ‘
solo allora riuscì a scindere le due cose e non accettando la realtà, la
storia finì…

” Questa è Atlantide… qui si vivono i sogni che a volte si trasformano in
incubi… a volte in semplici realtà “

un amore rock tristeultima modifica: 2010-03-07T13:45:57+01:00da literary
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento