Il Diavolo (Satana) – Le Origini

Rispondendo alla richiesta di alcuni lettori, proponiamo una serie di post che descrivono la figura di Satana, meglio noto come Diavolo, cioè colui che rifiuta la Volontà di Dio, cercando di dimostrare attraverso le Scritture la sua esistenza e di spiegarne le caratteristiche.

I testi di questi post sono estratti dalla Bibbia nella versione “Nuova Diodati”, e sostenuti da stralci tratti dal libro “Le Dottrine della Bibbia”, edito da ADI Media. L’Autore degli articoli provvederà a raccordare i vari estratti al fine di rendere l’esposizione fluida e comprensibile a titti.

Leggiamo due passi biblici chiave per capire l’origine del Diavolo:

Come mai sei caduto dal cielo, o Lucifero, figlio dell’aurora? Come mai sei stato gettato a terra, tu che atterravi le nazioni? Tu dicevi in cuor tuo: “Io salirò in cielo, innalzerò il mio trono al di sopra delle stelle di Dio; mi siederò sul monte dell’assemblea, nella parte estrema del nord; salirò sulle parti più alte delle nubi, sarò simile all’Altissimo”. Invece sarai precipitato nello Sceol, nelle profondità della fossa. (Isaia 14:12-15)

«Figlio d’uomo, innalza una lamentazione sul re di Tiro e digli: Così dice il Signore, l’Eterno: Tu eri il sigillo della perfezione, pieno di sapienza e perfetto in bellezza. Eri nell’Eden il giardino di DIO; eri coperto d’ogni pietra preziosa: rubini, topazi, diamanti, crisoliti, onici, diaspri, zaffiri, carbonchi, smeraldi e oro; la lavorazione dei tuoi tamburelli e dei tuoi flauti fu preparata per te nel giorno in cui fosti creato. Tu eri un cherubino unto, un protettore. Io ti avevo posto sul monte santo di DIO e camminavi in mezzo a pietre di fuoco. Tu eri perfetto nelle tue vie dal giorno in cui fosti creato, finché non si trovò in te la perversità. Per l’abbondanza del tuo commercio, ti sei riempito di violenza e hai peccato; perciò ti ho scacciato come un profano dal monte di DIO e ti ho distrutto, o cherubino protettore di mezzo alle pietre di fuoco. Il tuo cuore si era innalzato per la tua bellezza; hai corrotto la tua sapienza a motivo del tuo splendore. Ti getto a terra, ti metto davanti ai re, perché ti vedano. Con la moltitudine delle tue iniquità, con la malvagità del tuo commercio hai profanato i tuoi santuari. Perciò ho fatto uscire di mezzo a te un fuoco che ti ha divorato, e ti ho ridotto in cenere sulla terra sotto gli occhi di quanti ti guardavano. Tutti quelli che ti conoscevano tra i popoli restano stupefatti di te; sei diventato oggetto di terrore e non esisterai mai più». (Ezechiele 28:12-19)

In entrambi i passi profetici il soggetto del discorso è Satana.

La concezione comune di un diavolo con le corna, le unghie spartite, orrendo a guardarsi, è stata presa in prestito dalla mitologia pagana e non dalla Bibbia. Secondo la Bibbia, Satana in origine era Lucifero (letteralmente «il portatore di luce»), il più glorioso degli angeli. Ma egli orgogliosamente aspirava a divenire «simile all’Altissimo» e cadde «nella condanna del diavolo».

Si noti ora lo sfondo del racconto nei passi citati all’inizio del post. Vi sono alcuni che si domandano perché si parla prima ai re di Babilonia e di Tiro e poi della caduta del diavolo. Una delle ragioni è che il profeta descrive la caduta di Satana per uno scopo pratico. Alcuni dei re di Babilonia e di Tiro pretendevano l’adorazione come esseri divini e facevano dei loro sudditi i trastulli della loro smisurata ambizione. Per avvertire questi tali, gli ispirati profeti di Dio sollevarono il velo sull’oscuro passato e descrissero la caduta dell’angelo ribelle, che disse: «Io sarò simile a Dio».

La lezione era questa: se Dio punì la superbia di questo grande angelo, non mancherà di giudicare qualsiasi re che osi usurpare il posto di Dio.

images?q=tbn:ANd9GcTsjnRG2fRvzR6o6RMG_L9dFM1PK4UApLWHIl6zF9eJynTiY1PbAwSi noti come Satana tentò di infettare i nostri progenitori con il suo spirito: “E io porrò inimicizia fra te e la donna e fra il tuo seme e il seme di lei; esso ti schiaccerà il capo, e tu ferirai il suo calcagno”. (Genesi 3:15), e come l’orgoglio e l’ambizione delusi lo consumano ancora, tanto che desidera essere adorato come «l’iddio di questo secolo», “nei quali il dio di questo secolo ha accecato le menti di quelli che non credono, affinché non risplenda loro la luce dell’evangelo della gloria di Cristo, che è l’immagine di Dio.” (2* Corinti 4:4), un’ambizione che sarà temporaneamente soddisfatta quando si incarnerà nell’Anticristo.

Come condanna per la sua perfidia, Satana fu scacciato dal cielo, insieme ad un gruppo di angeli che si erano uniti alla sua ribellione. Successivamente, egli cercò di guadagnarsi Eva come alleata, ma Dio fece fallire il suo piano e, come abbiamo appena letto, disse: «Io porrò inimicizia tra te e la donna» (Genesi 3:15).

Il Diavolo (Satana) – Le Originiultima modifica: 2012-04-15T14:47:00+02:00da admin
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento