Il dubbio nei credenti

Che vuol dire infatti se alcuni sono stati increduli? La loro incredulità annullerà la fedeltà di Dio? (Romani 3:3)

Immagine
Dio è fedele e ti dà speranza quando stai male

Il dubbio: ecco l’arma principale del diavolo. Quando un credente ha ricevuto la salvezza secondo il vangelo di Cristo, è intenzionato a fare la volontà del Signore, ed abbandona ogni empietà per vivere con e per il Signore; il diavolo allora prova con ogni arma a sua disposizione, ma vedendo che non può trascinare il credente nel peccato fintanto che egli è in Cristo, ha una sola possibilità: allontanarlo da Dio, rattristando lo Spirito Santo e interrompendone così la comunione con il credente. Un cuore senza Cristo è pronto a soccombere. Come terra arida, prosciugata, senza l’acqua viva dello Spirito Santo, non ha più alcuna forza, e incassa tutti i colpi successivi e i sensi di colpa e le accuse che il diavolo lancia in quantità, per distruggerlo del tutto e impedirgli di gridare con fede al Signore. Il dubbio, l’incredulità, è un vero e proprio cancro spirituale, che paralizza del tutto, toglie ogni speranza e ogni gioia, impedisce allo Spirito Santo di operare, (il dubbio funziona da vero e proprio muro), rende inutili le preghiere in quanto distrugge la fede dalle fondamenta. Poi, col tempo, se persevera nel dubbio e non si ravvede di esso il credente peggiora, attraversa depressione, rancore, irritabilità, vari peccati derivanti dalla lontananza dal Signore tra cui accuse rivolte a Dio, il quale ama grandemente la Sua creatura, e può addirittura finire per avvicinarsi molto a quello che è lo scopo dell’avversario: fargli abbandonare il Signore. Solo tornando a confidare nel Signore con tutto se stesso, chiedendo umilmente perdono e soccorso a Dio e confidando in Lui come in un padre amorevole, buono e giusto, il credente può uscire da quella grave situazione e a patto che il credente rimanga fermo nei suoi sentimenti.

 

Allo stesso modo anche quelli, se non perseverano nella loro incredulità, saranno innestati; perché Dio ha la potenza di innestarli di nuovo. (Romani 11:23)

Immagine

L’incredulità trova terreno fertile quando si smette di guardare a quello che il Signore Gesù ha fatto per noi e che ci ha dato per grazia, e si guarda invece alla nostra carne; il peccato è stato messo fuori combattimento, ma finchè siamo nella carne è sempre lì, e il diavolo non cerca altro che farci guardare ad esso per cadere nell’angoscia. Nell’Antico Testamento, Dio dovette dire: “Fino a quando mi disprezzerà questo popolo, dopo tutti i miracoli che ho operato in mezzo a loro?” Quante volte ancora vogliamo ricadere nel dubbio e fare Dio mendace, invece di accettare il Suo meraviglioso amore? Il risultato sarà sempre lo stesso: paura, sconforto, dubbi, peccati, terreno fertile per l’avversario (“Dio ti ha abbandonato, ti odia, non puoi essere salvato, ormai sei perduto”, ecc)… e, quel che è più grave, allontanamento dalla grazia del Padre e Iddio d’amore. Alcuni nella distretta arrivano a pensare, “il Signore non mi ama”. Ma come può essere vero questo? …

Immagine

Gli uomini, quelle stesse creature create da Dio per stare con Lui e godere sempre del Suo amore, e che poi Lo hanno disprezzato e, ribelli, hanno vissuto nel peccato più nero… per non distruggerli, ma per salvarli, Gesù dice al Padre “eccomi, manda me”, a morire al loro posto e a dare loro, a quegli uomini ingrati e malvagi, di conoscere l’amore e di rivestirli della Sua giustizia, di essere addirittura chiamati Figli di Dio che possono sempre rivolgersi al Suo cuore amorevole chiamandolo “Padre!”. Disprezzato, beffeggiato, schernito e offeso in ogni maniera, rinnegato, bestemmiato, percosso, ucciso con la morte della croce… eppure Gesù li ama sempre, e anzi prega continuamente per loro alla destra del Padre, con lacrime, e con preghiere che, a differenza delle nostre, sono sempre ferventi, sempre colme di affetto, sempre accettate dal Padre. Questo sarebbe il Dio crudele e spietato che ci presenta il nemico quando dubitiamo dell’amore del Signore? Vergognamoci della nostra incredulità, rifiutiamo tutto quello che ci dice il nemico, crediamo solo all’amore di Dio e alla salvezza provvedutaci per mezzo del prezioso Sangue di Gesù, nostro unico Signore e Salvatore.


Il dubbio nei credentiultima modifica: 2012-11-12T14:54:00+01:00da admin
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento